L’equitazione è uno sport molto antico, con tradizioni consolidate anche per quanto riguarda il vestiario, che diventano regole rigidissime per gare e competizioni ufficiali.
Nelle situazioni normali, però, come ci si deve vestire per andare a cavallo?
Praticità e sicurezza sono le parole chiave per scegliere l’abbigliamento per l’equitazione, che deve aiutare e facilitare i movimenti del cavaliere, senza ostacolarlo o rischiare di infastidire il cavallo.
Per questo pantaloni da equitazione sono generalmente attillati, spesso dotati di elastico sottopiede per mantenerli fermi. Chi pratica la monta western tende a preferire i jeans, pratici e resistenti, che devono però permettere di divaricare bene le gambe per montare e stare in sella senza problemi e non intralciare la presa del piede nella staffa.

E’ più semplice scegliere come coprire il busto, per una semplice passeggiata possono bastare una felpa, una camicia o una maglietta a seconda della stagione. E’ sempre molto utile avere a portata di mano giubbini o smanicati, leggeri e non ingombranti, per ripararsi da pioggia e vento.

Stivali

Gli stivali da equitazione sono uno degli elementi più importanti dell’abbigliamento di un cavaliere. Scegliere uno stivale appropriato è fondamentale per cavalcare con comodità e sicurezza, ma anche per proteggere lo stesso cavallo. Sono quindi vietate calzature con lacci, ganci o decorazioni che potrebbero incastrarsi nella staffa o irritare l’animale, mettendo entrambi a rischio.
Il modello standard per gli stivali da equitazione è di cuoio liscio, alto dalla metà polpaccio al ginocchio e possibilmente con la punta rinforzata, per proteggere il piede se il cavallo lo calpestasse.
Si possono utilizzare anche stivaletti alla caviglia, con l’aggiunta di coprighette, mentre sono assolutamente vietati gli stivali di gomma.

Sicurezza a cavallo

Quando si va a cavallo, bisogna mettere in conto qualche caduta, per questo non bisognerebbe mai trascurare  la sicurezza.
Il casco da equitazione, o cap, è un elemento fondamentale per proteggersi da eventuali incidenti; fuori dalle competizioni, l’unica regola per il casco è che sia della giusta misura, omologato e tenuto sempre allacciato.
I guanti sono spesso utilizzati solo in inverno, in realtà andrebbero indossati anche d’estate per mantenere salda la presa sulle redini.
I corpetti protettivi, o tartaruga, sono fortemente consigliati per i bambini, ma anche per gli adulti quando vogliono correre su percorsi accidentati.