Mantenere in salute i cavalli è il primo dovere di ogni cavaliere, nonostante l’impegno malattie e disturbi potrebbero essere individuati tardi, per questo è importante pulire e strigliare l’animale frequentemente.  Il grooming del cavallo permette di scoprire molti problemi precocemente, soprattutto se svolto dallo stesso cavaliere, perchè solo conoscendo bene il proprio compagno è possibile intuire che qualcosa non va.
Il cavallo in buona salute ha il manto lucido, coda e criniera folte, dorso e addome tonici e non dolenti, occhi grandi e reattivi, mucose rosa e senza perdite. Per quanto non sia piacevole è doveroso controllare anche feci, che devono essere compatte e umide e senza colori o odori inusuali. Anche l’urina dovrebbe essere incolore, mentre la minzione dovrebbe essere regolare e non eccessiva.
Le principali patologie del cavallo, come polmoniti e disturbi intestinali, necessitano l’intervento di un veterinario qualificato, anche una leggera zoppia, se non trattata adeguatamente, può degenerare.
Anche i meno esperti, però, possono curare la salute del proprio cavallo mantenendolo pulito e allenato, curandone l’alimentazione e assicurandosi che il suo box sia sempre in buono stato e senza parassiti.

Dermatiti allergiche

Le dermatiti sono uno dei disturbi più comuni per i cavalli, sebbene in  realtà non si tratti di una patologia ma di una reazione allergica, possono causare molto fastidio all’animale.
La causa sono i morsi di piccoli insetti, che causano un forte prurito, spingendo il cavallo a strofinarsi continuamente contro le pareti del box, arrivando, nei casi più gravi, a lacerarsi la pelle.
La dermatite allergica del cavallo non esiste una cura, si possono solo alleviare i sintomi con creme lenitive ed impacchi. Per difenderlo dagli insetti è consigliabile utilizzare degli spray repellenti nei box o sulle coperte, facendo attenzione, però, che non abbiano odori troppo forti per non infastidire il cavallo.

Colpi di calore nei cavalli

Il pericolo più insidioso per i cavalli sono i colpi di calore, che possono arrivare a provocarne la morte.
Questi maestosi animali, infatti,  se sottoposti a sforzi e calore eccessivo non riescono più a regolare la temperatura naturalmente. E’ facile riconoscere un cavallo vittima di un colpo di calore, il respiro è affannoso, il cuore batte molto forte e non si lascia spostare, oppure si stende a terra.

In questi casi è fondamentale bagnare zampe e collo del cavallo,  senza usare acqua troppo fredda, cercando di abbassare la sua temperata interna. Appena l’animale sarà in grado di muoversi bisogna condurlo in un luogo fresco e ombreggiato, mantenendolo calmo e tranquillo.